Anna D’Elia

Anna D’Elia lavora da oltre trent’anni nell’editoria. Per le principali case editrici ha tradotto testi di autori francesi contemporanei – Antoine Volodine, Jean Hatzfeld, Eric Reinhardt, Abdellah Hammoudi, Sylvain Proudhomme, Serge Halimi, Maryse Condé, Leila Slimani tra i tanti –   ma anche grandi “classici“ come Antoine de Saint-Exupéry e Honoré de Balzac, oltre a innumerevoli saggi universitari. Ha lavorato molto per il teatro, traducendo e adattando per le scene italiane testi di autori francesi contemporanei: Philippe Minyana, Pierre Notte, Jean-Marie Besset, Eugène Durif, Rémy Devos, Guillaume Gallienne, Xavier Duranger.  Ha tenuto e tiene seminari di traduzione in Italia e in Francia. Ha collaborato a lungo con il Bureau du Livre dell’ambasciata di Francia in Italia e partecipa da anni alle Giornate della Traduzione letteraria. Nel 2017 ha vinto il Premio von Rezzori per la  traduzione di Terminus radioso di Antoine Volodine,  e nel 2018  è stata finalista al Prix Stendhal per la traduzione de Gli animali che amiamo sempre di Antoine Volodine. È Chevalier des Arts et des Lettres de la République française per l’insieme della sua attività di traduttore letterario.

Usando questo sito, accetti l’uso dei cookies.

Accetto