Presentazione del libro “Come una storia d’amore” di Nadia Terranova

14 maggio 2021 5:00 pm

Per il ciclo di incontri “Il Mestiere del Narratore”, Luca Ricci introduce Nadia Terranova.

 

Il 14 Maggio alle ore 17, Fenysia ospita Nadia Terranova autrice del libro “Come una storia d’amore” (Perrone Editore). L’evento, inizialmente pensato per i corsisti de Il Mestiere del Narratore, è stato aperto al pubblico per dare la possibilità a tutti di partecipare. A dirigere la presentazione sarà il Presidente e Direttore Artistico di Fenysia, Pierpaolo Orlando. Introduce Luca Ricci – scrittore e drammaturgo italiano. 

 
 
 L’incontro si terrà su piattaforma Zoom e sarà possibile accedervi solo tramite link. Per richiederlo basterà inviare una mail a info@scuolafenysia.it indicando il proprio nome e cognome. Il giorno della diretta saranno inviate le credenziali di accesso.
 
 
Trama:

Finalista al premio Viareggio-Rèpaci 2020, sezione Narrativa

L’unica è raccontarsela come una storia d’amore, Roma, e per farlo si deve partire dalle assenze, dalla mancanza, dai fantasmi. La scommessa dell’identità strepita coi corvi del Pigneto, nella gramigna di una pensilina a Porta Maggiore la mattina di Natale, andando incontro all’età adulta, ride forte nelle lavanderie di quartieri multietnici, sognando l’altrove. Roma, come ogni storia d’amore, necessita di un linguaggio privato che la renda segreta, tua. I personaggi di Terranova sono spezzati, sulla soglia di un cambiamento, congelati in un ricordo. Aspettano di essere liberi, immaginano vite negli occhi degli altri, interrogano l’esistenza in una lingua che non conoscono e scoprono, a volte, che la felicità è un difetto della vista e che, a volte, è necessario perdersi.

 

Nadia Terranova

Scrittrice italiana nata a Messina nel 1978, vive e lavora a Roma.

Dopo la laurea in Filosofia a Messina e il dottorato a Catania, nel 2003 si trasferisce a Roma. Qui si dedica alla stesura del suo primo romanzo, Gli anni al contrario, pubblicato nel 2015 da Einaudi. Il romanzo è accolto positivamente da pubblico e critica vincendo numerosi premi, tra cui il Bagutta Opera Prima, il Premio Brancati, e l’americano The Bridge Book Award. Nel 2016 l’opera è stata tradotta in Francia da Romane Lafore per la casa editrice Le Table Ronde con il titolo Les années à rebours. Secondo un articolo del dicembre 2019, pubblicato dal quotidiano La Repubblica, Gli anni al contrario è tra i dieci romanzi italiani più belli usciti nel decennio che va dal 2009 al 2019.

Nadia Terranova © Vito Maria Grattacaso 

Nel 2012 è uscito Bruno. Il bambino che imparò a volare, ispirato alla vita dello scrittore Bruno Schulz col quale ha vinto il Premio Laura Orvieto e il Premio Napoli nella categoria Libri per bambini e per ragazzi.

Nella sua produzione letteraria la Terranova alterna romanzi classici a libri per ragazzi. Dopo la pubblicazione de Gli anni al contrario, sempre nel 2015 per Einaudi Ragazzi è uscito Le nuvole per terra (selezionato al Premio Bancarellino); mentre nel 2016 per Mondadori Ragazzi esce Casca il mondo (finalista ai premi nazionali di Letteratura per Ragazzi Premio Cento e Il Gigante delle Langhe).

Il 25 settembre del 2018, per Einaudi, è uscito il romanzo Addio fantasmi, che nel dicembre dello stesso anno viene inserito tra i migliori dieci libri del 2018 nella classifica di qualità della rivista culturale La Lettura (inserto domenicale del Corriere della Sera). Il romanzo è stato nella cinquina finale del Premio Strega 2019. Sempre con Addio Fantasmi ha vinto la settima edizione del Premio Letterario Nazionale Subiaco Città del Libro, la 25ª edizione del Premio Alassio Centolibri, la 41ª edizione del Premio “Città di Penne-Mosca-America” e la 33ª edizione del Premio Martoglio.

 

 

Nadia Terranova © Sandro Messina

Nel febbraio 2019 Addio Fantasmi è stato acquistato dalla casa editrice americana Seven Stories.

Nel marzo 2019 esce Omero è stato qui (Bompiani Ragazzi), con le illustrazioni di Vanna Vinci. Il libro è tra i 12 finalisti per la quinta edizione del Premio Strega Ragazze e Ragazzi.

Sempre nel 2019 cura la traduzione di Lettera all’insegnante di mio figlio di Abraham Lincoln (Einaudi Ragazzi) e scrive l’introduzione di Company Parade di Margaret Storm Jameson (Fazi Editore). A novembre dello stesso anno esce il suo primo saggio Un’idea di infanzia. Libri, bambini e altra letteratura per la casa editrice Italo Svevo.

A maggio 2020 per Giulio Perrone Editore, esce la raccolta di racconti Come una storia d’amore, che a giugno dello stesso anno è tra le opere candidate alla 91ª edizione del Premio Viareggio, nella sezione dedicata alla Narrativa. 

A novembre 2020, esce Aladino e la lampada magica (Orecchio Acerbo), con le illustrazioni di Lorenzo Mattotti. Sempre nel 2020, a dicembre, esce Non sono mai stata via. Vita in esilio di Maria Zambrano (Rueballu).

Suoi racconti sono stati pubblicati in antologie edite da Baldini & Castoldi, Laterza, Utet. Collabora settimanalmente con varie testate tra cui La RepubblicaIl FoglioTuttolibri e Linkiesta. È stata coautrice del programma radiofonico Pascal condotto da Matteo Caccia su Radio Due. È tra i docenti della Scuola del libro di Roma.

Da novembre 2020 è la curatrice di K, la rivista letteraria de Linkiesta. 

Dal 2021 ha una rubrica su Vanity Fair, “Sirene”, in cui racconta storie di donne contemporanee.

Eventi in programma Tutti gli eventi

Usando questo sito, accetti l’uso dei cookies.

Accetto